SHARE

Software gestionale cloud VS software gestionale on-premise

2018-04-15, Categoria Cloud

Il software gestionale può essere implementato in azienda in 2 differenti modalità:

  • on-premise, il che significa che viene installato presso i server dell’azienda ed è gestito dall’IT dell’azienda stessa;
  • in cloud, ossia con il software che è ospitato e gestito da server esterni all’azienda, spesso manutenuti dal produttore del software gestionale stesso.

Da oltre 20 anni a questa parte i sistemi gestionali si sono sviluppati in modalità on-premise. Di recente però, l’innovazione del web e delle reti stanno facendo sì che i software gestionali in cloud guadagnino crescente attenzione. Questo perché la modalità cloud offre importanti vantaggi che vanno a risolvere importanti colli di bottiglia altresì incontrati implementando software on-premise. Vediamo quali.

Abbattimento dei costi accessori di manutezione

I software gestionali installati in modalità on-premise richiedono all’azienda l’acquisto e la manutenzione di hardware dedicato (primo fra tutti l’acquisto di un server). Con conseguente necessità di disporre un gruppo di continuità e soluzioni di backup. Per non parlare delle licenze software a corredo. Il tutto, porta a costi accessori molto alti.

Il software gestionale in modalità cloud elimina tutte queste complicazioni: poiché il sistema gestionale cloud è gestito dal fornitore stesso del software, all’azienda basta semplicemente un qualsiasi computer (Windows, Mac, Linux) o tablet o smartphone dotato di browser. Quella che prima era una serie di complicazioni, oggi diventa molto più semplice, modulare e light.

Più sicuro

Quando si tratta di software gestionali on-premise ci si trova nella situazione in cui i dati dell’azienda si trovano fisicamente salvati sugli hard disk dell’azienda. Ad una prima analisi questo potrebbe sembrare garanzia di sicurezza, ma ad un’analisi più approfondita i nodi iniziano a venire al pettine: risiedendo in azienda, i dati sono esposti ad interperie di varia natura: attacchi hacker, calamità naturali (allagamenti, etc) collaboratori "furbetti", etc.

Nel caso del software gestionale cloud, è direttamente il provider a curare questi aspetti, adottando tecnologie di provata solidità e sicurezza. Nel caso di ProgestNOW per esempio, abbiamo backup continuativi (replicati su diversi server ubicati in zone della Terra differenti) e adottiamo Amazon AWS, il servizio di hosting che sta dietro - per fare soltanto alcuni nomi ben noti - a Facebook e Twitter. Dati che pur essendo “nel cloud” sono criptati con le più avanzate tecnologie di crittografia del mercato, e pertanto non “leggibili” da terzi che non siano l’azienda stessa.

Ecosistema aperto, flessibile ed integrabile

Le soluzioni on-premise, poiché risiedono all'interno dell'infrastruttura aziendale, sono "silos" separati con il mondo esterno per antonomasia. Fanno quello che devono fare, ma aspettarsi che interagiscano con l'esterno (servizi terzi) è - salvo casi davvero particolari - utopia.

Il software gestionale cloud nasce invece pronto per essere collegato a servizi terzi, per dialogare con l'esterno. Il che apre ad una quantità di possibilità e sviluppi sconfinato. Per fare qualche esempio, ProgestNOW può integrarsi in maniera estremamente rapida con la piattaforma e-commerce utilizzata dall’azienda per vendere online (che sia Shopify, WooCommerce, magento, Prestashop o soluzioni custom). Così che il software gestionale riceva gli ordini, invii il catalogo prodotti, le promozioni, etc. Tutto questo, con un software gestionale cloud, è fattibile in tempi incredibilmente rapidi.

Progetto Automazione da oltre 30 anni sviluppa suite gestionali per PMI italiane, tra cui la nuova suite gestionale ERP cloud ProgestNOW, per la gestione a 360° gradi dell’azienda, dal CRM ai documenti, dal magazzino alla produzione, dalle commesse alla contabilità.